Simbolo Hara-orizzontale-bianco
linguaggio corpo

Il corpo non mente.

Sai ascoltare i messaggi del corpo?

Il corpo ci avvisa moltissime volte, lo fa come può, ascoltarlo potrebbe fare la differenza.

Assumere la responsabilità di ciò che viviamo significa riconoscere e accettare che i nostri pensieri, i nostri sentimenti, i nostri atteggiamenti proprio come le lezioni che bisogna imparare nella nostra evoluzione, abbiano dato luogo sia alle situazioni felici e infelici in cui ci siamo imbattuti, sia alle difficoltà o alle gioie che viviamo attualmente. Spesso si dice “la goccia che ha fatto traboccare il vaso”questo in riferimento ad un insieme di emozioni accumulate nel corso di un periodo o a volte anche di anni. Ogni volta che viviamo una situazione di disagio, (lungo o breve periodo) il corpo attua una serie di azioni per aiutarci o difenderci. Questo provoca uno stress che se protratto nel tempo potrebbe dare origine ad una serie di manifestazioni più o meno e evidenti.

Le più frequenti sono lo  stress, l’insonnia, difficoltà digestive, problemi articolari, mal di testa, rigidità corporea, predisposizione ad ammalarsi con frequenza. Chiaramente queste situazioni sono da ritenersi oggetto della nostra attenzione se diventano di “routine”. Questo perchè di base la nostra cultura non prende mai in considerazione il nostro stato emotivo, la salute per la medicina sembra totalmente separata dal fisico. Nella cultura orientale invece è esattamente il contrario. Loro partono dall’interno per capire una malattia, o un disturbo. Prendiamo l’emicrania come esempio.

Moltissime persone soffrono di emicrania, hanno fatto mille esami, sono stati ribaltati come calzini, ma niente non salta fuori nulla. In medicina cinese chi soffre di emicrania può essere l’espressione del senso di colpa per il fatto stesso di essere al mondo. Ogni volta che la persona prova piacere o dolore, c’è una vocina interiore che ripete ” non meriti di provare tutta questa felicità non dovresti nemmeno esistere”. Oppure si manifesta quando abbiamo dovuto usare un surplus emotivo rispetto ad una situazione in cui ci siamo sentiti costretti o minacciati.

Un’altro sintomo molto comune è la stitichezza. E’ collegata al fatto di trattenersi, ci tratteniamo quando siamo troppo occupati e continuiamo a posticipare il fatto di dare ascolto ad un dato bisogno, oppure per paura di disturbare o per paura di non piacere a qualcuno. La paura di dispiacere a qualcuno è direttamente collegata alla paura di non essere amati, di essere abbandonati: ecco perchè chiediamo a noi stesse la perfezione. La stitichezza può anche indicare che ci teniamo aggrappati ad una serie di convinzioni che ci danno sicurezza. Ti ritrovi?

Sempre più diffusi anche problemi legati allo stomaco (cattiva digestione, gonfiore, dolori e crampi, acidità). Queste riposte negative da parte dello stomaco cercano di comunicarci la nostra difficoltà o tensioni che incontriamo nei confronti del nostro controllo o delle gestione del mondo materiale. Contrarietà finanziarie o professionali, scolastiche o giudiziarie sceglieranno di esprimersi in questo modo. Per la sua funzione di “impastatura” degli alimenti, lo stomaco che ci crea problemi può anche indicare che abbiamo la tendenza a ruminare , rimuginare sulle cose e gli eventi in maniera eccessiva.

Si potrebbe continuare per ogni singolo organo correlato alla sua reazione, ma non è questo il senso di questo articolo. Lo scopo principale è quello di iniziare a considerare che le nostre reazioni sono come campanelli che suonano puntuali quando stiamo esagerando, che ci invitano a non dare colpa sempre all’esterno. Frasi tipo “ma deve essere stato quello che ho mangiato” “non ho dormito bene perchè bevo troppi caffè” “sono nata così” etc.. rimandano soltanto la presa di coscienza. Assumendoci la responsabilità del nostro stato interiore ci permetterà di poter cambiare una situazione, di smettere di assumere farmaci inutili, o di continuare a sottoporci ad esami inutili. Essere consapevoli che il nostro “stare bene o male” influenza in modo attivo il nostro organismo e i nostri organi è il primo passo verso il vero benessere.

Il corpo non mente, noi invece possiamo scegliere se continuare a mentire noi stesse oppure considerare e dare valore alle emozioni, prendercene cura e portarle verso una reale soluzione. Amare noi stesse inizia da dentro e non da ciò che viene da fuori!